DICHIARAZIONE DEI REDDITI IN FORMA CONGIUNTA - SEPARAZIONE SUCCESSIVA DEI CONIUGI - RESPONSABILITA' SOLIDALE - SUSSISTE - MANCATA IMPUGNAZIONE DELL'AVVISO DI ACCERTAMENTO - TUTELA PROCESSUALE DEL CONIUGE SEPARATO

Corte di Cassazione, sez. V, sentenza del 06 luglio 2016 n. 13733.

La dichiarazione dei redditi congiunta, consentita a coniugi non separati, costruisce una facoltà che, una volta esercitata per libera scelta degli interessati, produce tutte le conseguenze, vantaggiose ed eventualmente svantaggiose, che derivano dalla legge e che ne connotano il peculiare regime, a prescindere dalle successive vicende del matrimonio; ne consegue che la responsabilità solidale dei coniugi per il pagamento dell'imposta ed accessori, iscritti a nome del marito a seguito di accertamento, non è influenzata dal venir meno, successivamente alla dichiarazione congiunta, della convivenza matrimoniale per separazione personale.

La mancata impugnazione da parte del marito dell'avviso di accertamento a lui notificato non rende definitiva l'obbligazione tributaria nei confronti della moglie separata, avendo costei la possibilità di impugnare autonomamente la cartella di pagamento o l'avviso di mora a lei diretti e di far valere, in tale sede, tutte le possibili ragioni di contestazione, nel merito, della pretesa tributaria, avuto appunto riguardo alla mancata notifica diretta degli atti precedenti.


Giurisprudenza  26/07/2016



scaricato dal sito: www.spazioapertotributario.it data stampa:19/04/2019

Centro studi di diritto tributario Spazio Aperto
Via Vannella Gaetani n 27 80121 - Napoli
Tel./fax 081.18891095 info@spazioapertotributario.it